Cosa deve saper fare un bravo psicologo

Cosa deve saper fare un bravo psicologo

Lo psicologo è un professionista del settore della psicologia e della cura dell’anima: una persona che ha scelto di aiutare gli altri a superare dei traumi, a risolvere dei problemi psicologici, oppure anche ad elaborare dei lutti, e che ha studiato duramente per ottenere i risultati desiderati . Quando si ha a che fare con un problema dell’anima che appare di difficile risoluzione, è piuttosto comune fare riferimento allo psicologo, che, a seconda della sua specializzazione, guida i suoi pazienti verso l’elaborazione del problema, prima ancora che verso la sua risoluzione. Questo è ciò che fanno i migliori, come lo specialista Borla di studiolevele.net.

È infatti noto come, secondo la psicologia, un problema non può essere in alcun modo risolto se prima non viene effettuata una sorta di controllo del problema stesso, un’analisi dettagliata e soprattutto senza paure e senza timori relativamente alla tipologia ed alla natura della situazione critica che ci sta creando disturbi e ansie. Insomma, nessun problema può essere affrontato nel modo giusto se non si pensa prima di ogni cosa a conoscerlo: avere la consapevolezza di avere un problema, cercare di capire di cosa si tratta, perché quella specifica situazione ci fa paura, cosa ci angoscia più nello specifico, è davvero molto importante perché rappresenta la base della risoluzione dei nostri problemi.

Ma qual è il vero compito di uno psicologo?

Molte volte si pensa che lo psicologo debba risolvere il nostro problema. Quando ci si reca in uno studio con questa considerazione di base, sicuramente si sta commettendo un errore di valutazione molto importante, perché nella realtà nessuno psicologo potrà risolvere un problema che parte da noi stessi, e che è proprio in noi stessi che dobbiamo cercare di conoscere per ottenere una possibile risoluzione.

Quindi, il vero compito del professionista psicoterapeuta a cui ci rivolgiamo non è sicuramente mai quello di risolvere il nostro problema, perché questo significherebbe appropriarsi di un vissuto che non appartiene a nessun altro che a noi. Quando rimaniamo delusi perché partiamo da questa considerazione, in realtà dovremmo prima di tutto riflettere ed avere le idee chiare sui veri compiti dello psicologo, e solo così potremo davvero ottenere dei risultati importanti e positivi in fatto di risoluzione.

Il compito dello psicologo non è uno solo, ma si riassume in un insieme di capacità che sicuramente non devono mancare. In particolare, l’esperto professionista deve essere in grado di ascoltare il proprio paziente, senza pregiudizi ma con estrema tranquillità, cercando di rendere possibile lo svolgimento della seduta in modo rilassato: in questo modo, il paziente sentirà di avere a che fare con una persona calma, che potrà trasmettere serenità e complicità, e quindi saprà di poter parlare in totale sincerità e tranquillità. La giusta atmosfera, in uno studio rilassato, con un atteggiamento sereno ed aperto e privo di pregiudizi, mette sicuramente il paziente nelle condizioni di esprimersi liberamente e probabilmente anche di fare un’auto analisi relativa alle domande retoriche che lui stesso si pone ad alta voce.

Molte persone pensano che il silenzio non sia costruttivo. E invece, il silenzio è molto efficace perché funge da terreno fertile per lo psicologo ma anche per il paziente: quest’ultimo ha modo di ascoltare sé stesso ed anche i propri pensieri prima di metterli in pratica e quindi di esprimerli, ed in questo modo riesce anche già a trovare una base per le risposte di cui è in cerca. Nello stesso tempo, il silenzio e le pause aiutano anche lo psicologo, che potrà anche leggere senza alcuna interferenza il linguaggio del corpo, la postura, la gestualità, il movimento delle mani, il timbro della voce, del suo paziente: ogni gesto è inconfondibile e può essere in grado di comunicare molto di più rispetto a quanto non facciano già le parole.

La sola abilità, il solo studio, la sola esperienza non sono sufficienti a definire uno psicologo come un bravo professionista: egli deve essere anche in grado di usare e di mantenere, nei confronti del paziente e di ciò che lui dice, un atteggiamento calmo, corretto, impegnato ed allo stesso tempo anche rigoroso.

Leave a Reply

Your email address will not be published.